mercoledì 7 dicembre 2018

Nike Nike Nike air jordan retrò 1 alta og royal 2017 dimensioni 9.5 1d8f02

Di Mauro Fedele
Ecommerce B2B, un gioco che vale la pena di giocare

Nike air presto metà x acronimo dinamica giallo dimensioni 13 con undftd la ricevuta,Nuove nike lebron 15 diamond territorio rosso ao9144 600 dimensioni 9.5,Nike air jordan 2 retrò decostruita sz 10,5 mint schiuma Uomothe decontaminazione 897521-303,Nike air jordan retrò 13 grano 414571-705 misura 8,5,Nike air max 270 fallo Uomo ah8050-106 bianco nero arancione scarpe taglia 11,Nike air jordan 4 iv retrò di cemento bianco 2012 sz 7,5,Nike air max 1 flyknit royal "arthur huang" 923005-001 sz 10Nike lebron 13 allstar scarpe da basket 46 nuovo sergente premio mvp james,Air jordan 11 "allevati" nero / varsity rosso vintage?dimensione 10 (2012),Nwobx uomini è nike air jordan retrò 6 basso chrome bianco nero sz 14 (304401-003),Nike air max 97 marchiato con "nike" logos ha confermato la taglia 12,Nike air max + 2011 dimensioni 11,5 solare 429889-026 nero agghiacciante rosso b,Nike zoom spiridon usa olympic uomini sz 9,5 oro bianco ossidiana 849776 174,2018 nike air jordan 10 x retrò cool grey taglia 12.310805-022,Nike air jordan 3 retro bianco puro aj3 iii 3s cemento 136064-111 sz 12 timberlakeNike air jordan xi 11 retro basso (arbitro ufficiale ci nero 8 / razza / pennyNike lebron xv 15 nero / gomma castano sz 8,5Nike air foamposite pro<314996-007>le dimensioni degli uomini ci 7 12 / nuova di zecca in scatola!,Nike air force 1 '07 "divisi" premio qs nero / bianco scarface Uomo.,Nike lebron soldato x il cancro al seno qs kay iao vivida rosa james 844374-606 sz 10,Nuove nike air foamposite professionista?624041-403 "ben gordon" iper cobalto / blk dimensioni 10,5,Jordan 11 retrò basso re2pect binari blu jeter yankees,Air jordan 11 retrò "space jam" 2009 numero d'ordine 4855-2,Nike air jet territorio sz 11,5 blu 10,5 max 95 90 97 1 velocità zoom 94 93 270 180 98Nike hypervenom phantom ii se fg calcio galloccia mimetico dimensioni uomini 7,5,Autentico nike air jordan 11 xi allevati 2001 og dimensioni 11,5 con boxNike sb canestro alto diamond x tiff noi 11 huf max che medicom jordan lanceNike air jordan 11lab4 dimensioni 9.5 sergente ricevuta11 nike air jordan vnds sz ii retro decontaminazione bordeaux 897521-606 psny scamosciato melo,Nike air vapormax 2 flyknit bianco nero 942842-001 w / ricezione numero 7 11,

Il 2016 è stato un anno importante per l'eCommerce in Italia durante il quale si è affermato il nuovo concetto di cross: cross border, cross canalità e cross device i tre punti su cui le aziende si devono concentrare per offrire al cliente la migliore esperienza di acquisto di sempre. Il fattore determinante del successo di un'azienda risiede infatti nella capacità di reagire tempestivamente alle nuove esigenze e anticipare le tendenze future, ripensando i propri modelli di business. Ciò è valido sia per le imprese B2C che per quelle B2B, il cui confine è divenuto con il tempo sempre più labile perdendo i confini storici che hanno da sempre differenziato i due business, oggi in continua evoluzione e spesso convergenti, e dando così vita a un nuovo contesto competitivo tra le imprese. Questo il tema su cui si è concentrato "E-commerce B2B e B2Retail: modelli e casi di successo", il convegno organizzato da Netcomm e tenutosi a Milano il 29 novembre.

Nike Nike Nike air jordan retrò 1 alta og royal 2017 dimensioni 9.5 1d8f02

L'ecommerce in versione B2B può essere un importante fattore di crescita. Assolombarda e Netcomm, il Consorzio per il commercio elettronico, hanno organizzato un incontro nella sede milanese dell'associazione degli industriali durante il quale è stato presentato anche "E-commerce B2B. Le opportunità, gli strumenti e i casi di successo nell'e-commerce B2B e B2Retail", un libro che analizza il commercio elettronico fra le aziende e racconta i casi di successo.

Come ha spiegato Niccolò Zuffetti, marketing manager di Cribis oggi "sono circa quarantamila le aziende italiane che fanno ecommerce B2B con una crescita del 55% rispetto allo scorso anno. Di queste, circa il 25% risiede nel Sud e Isole, mentre la regione principale rimane la Lombardia seguita da Veneto, Emilia-Romagna, Lazio e Campania". Il 38% delle aziende lavora nel commercio all'ingrosso, il 30% industria e altre aziende lavorano nei servizi. Si tratta nel 73% dei casi di aziende con meno di cinque dipendenti e il 7% con oltre venti dipendenti. Solo il 6% delle imprese era attiva prima del 1980 e se sommiamo quelle attive prima del Duemila siamo a meno del 30%. In pratica le aziende storiche che si affacciano su questo mondo sono poche. Le imprese che fanno import export sono solo il 9%, mentre quelle che hanno un sito in inglese sono il 30%. Secondo i dati di Cribis relativi ai pagamenti le aziende che praticano ecommerce hanno tempi di pagamento migliori e hanno una rischiosità media più bassa. Anche dall'Osservatorio della banca dati specializzata nelle informazioni creditizie si osserva che il confine tra il commercio elettronico fra le aziende e quello orientato ai consumatori è sempre più labile.
Ecommerce B2B e B2C, il confine evapora

Un'opinione condivisa da Roberto Liscia, presidente di Netcomm, secondo il quale il digitale "sta comportando una forte pressione sui prezzi e sui margini che diminuiscono su tutta la filiera trasferendo valore al cliente, utente finale o azienda intermedia, che a parità di prezzo ha una maggiore scelta. Questo è un elemento fondamentale del perché la trasformazione digitale delle imprese non è un'opzione ma una esigenza di sopravvivenza strategica delle imprese". Il cliente finale della catena è diventato mobile, cross border, cross device, cross channel ed è anche un signore che la sua esperienza personale la vuole riscoprire nelle sue attività professionali. "Il b2b non è quindi solo efficienza ma anche riscoperta di comportamenti che necessariamente devono andaare incontro a una trasformazione comportamentale che sta già avvenendo. La velocità delle filiere e la capacità di reagire tempestivamente alle esigenze dei clienti intermedi e finali è diventato un fattore determinante. Il digitale, aggiunge Liscia, ha dato un altro modo di pensare ai tempi e chi non si adegua perde opportunità e marginalità. Tutto ciò è conseguenza della smaterializzazione dei processi con la separazione dell'informazione dal trasferimento dei dati o delle merci che ha dato alle aziende la possibilità di nuove opportunità organizzative. In questo contesto le aziende sono portate a ripensare i loro modelli di business e si sta perdendo l'idea dei confini tra B2B e B2C che stanno diventando molto integrati. E i modelli sono in continua evoluzione spesso convergenti con focus su efficienza processi commerciali e sulla qualificazione del rapporto domanda-offerta. Il vino è un esempio con il venditore che non ha magazzino e i prodotti vengono consegnati anche direttamente dal produttore.
Dal punto di vista quantitativo, inoltre, in Europa il B2B è già più importante del B2C. In Uk il fatturato è di settecento miliardi, mentre in Italia siamo a venti. E le previsioni dicono che nel 2020 il 27% del totale delle transazioni B2B sarà digitale. Un gioco che vale la pena di giocare.

Fonte: 01net

Autore: Luigi Ferro